Menu Principale
Materiali
Oggi la bioedilizia manca spesso di una conoscenza tecnica appropriata dei materiali e corre il pericolo di cadere nelle modalità convenzionali di acquisizione delle informazioni, caratterizzate dalla non conoscenza reale dei materiali usati, sia dal punto di vista tecnologico che da quello della eco compatibilità. Spesso sono accettati come bioedili, materiali sulla base di certificazioni o di mere informazioni pubblicitarie.

L’edilizia sostenibile, che non dovrebbe essere considerata una particolare disciplina, ma la base della conoscenza del costruire, e soprattutto dell’architettura e dell’ingegneria edile di qualità, diritto imprescindibile della dignità umana, si è sempre basata su un principio semplice: l’utilizzo di materiali e tecnologie che insieme alla tutela della salute e del comfort abitativo uniscano l’integrazione con i principi dell’ambiente. Usare materiali/tecnologie sane significa reperire da fonti rinnovabili senza alterare strutturalmente la materia e nel rispetto degli equilibri della biodiversità.
In questo modo qualsiasi manufatto, al termine del suo ciclo di vita possa essere reintegrato nei serbatoi naturali da cui è stato costituito attraverso i processi di biodegradazione preposti in natura. L’unico modo di lavorare materie prime senza alterare l’immissione di anidride carbonica ed acqua in atmosfera, la fascia di ozono troposferico e senza immettere sostanze sconosciute ai cicli biofisici del pianeta (inquinamento).

Le esperienze nella realizzazione di strutture edili, realmente bioedili, condotte negli ultimi 20 anni, dimostrano che l’utilizzo di materiali e tecnologie naturali, consentono di costruire in modo sano per l’uomo e l’ambiente senza reale aumento di costo globale e con un migliore standard tecnologico in termini di microclima, risparmio energetico, salute, costi di manutenzione.

La conoscenza tecnica delle caratteristiche di materiali come i leganti minerali, i pigmenti, le malte, i prodotti per costruzione e finitura delle opere edili, apre una visione affascinante e la possibilità di progettare, costruire, utilizzare le opere edili con consapevolezza e con una sicura capacità decisionale basata sulla realtà delle cose.

La dichiarazione dei componenti diviene in questo modo lo strumento di base, che consente a produttore ed utilizzatore di instaurare un legame diretto di fiducia e dialogo, essenziali per operare con cognizione di causa e progresso delle conoscenze.

Materiali da costruzione ecologici sono ad esempio:

legno
mattoni e forati in fibra di legno mineralizzata,
mattoni e forati da costruzione in terra cruda,
mattoni e forati da costruzione liberi da sostanze nocive e caratterizzati da elevate qualità di isolamento termico e acustico,
intonaci a calce,
intonaci in argilla
malte a calce,
isolanti termici ed acustici in fibra di legno,
isolanti termici ed acustici in fibra di legno mineralizzata,
isolanti termici ed acustici in varie fibre naturali (dalla canapa, al sughero, alla lana di pecora)
ecc.

Pitture naturali e pitture ecologiche sono ad esempio:
tinte murarie naturali,
impregnanti protettivi ecologici,
vernici ecologiche per legno e per metallo,
coloranti naturali,
ecc.

Prodotti contro il deterioramento biologico dei materiali sono ad esempio:
impregnanti antimuffa naturali,
sali di boro,
battericidi naturali per muri infestati da muffe,
ecc.
Login
Utente

Password



Non ricordi più la password?
Richiedine una nuova qui.
Partners